Home > GNU/Linux > Questo blog diventa un libro… avanti con i suggerimenti

Questo blog diventa un libro… avanti con i suggerimenti

In questi giorni pensavo alla guida per principianti. Volevo scrivere altri post, ma mi sono accorto che quelli finora scritti più o meno spaziano sugli argomenti più importanti che volevo trattare. E che al limite si tratta di approfondirne qualcuno.

Allora, l’idea che mi è venuta è questa: creare un libro pdf (gratuito) che raccolga tutti i post della categoria “newbie”, “guide pratiche”, “virus e gnu/linux” e “ubuntu senza terminale”, più qualche altra cosa.

Questa “qualche altra cosa” suggeritemela😉 e suggeritemi anche se è secondo voi necessario approfondire qualche singolo aspetto.

Immaginate questo: cosa vorreste che fosse scritto nel libro che intendete regalare all’amico/a a cui avete appena installato GNU/Linux?

Avanti!

Categorie:GNU/Linux
  1. 4 febbraio 2009 alle 4:01

    Guarda, io ti ho messo nel feed non appena ho notato che parlavi di video editing su linux.😉

    Apparte scherzi, se ti rimane spazio per qualche riferimento più o meno diretto a software quali kdenlive, cinelerra, jahshaka e così via per me sarebbe un’ottima cosa.

    Considera anche che in giro c’è davvero poco materiale su linux e il video editing. Una guida pratica penso che potrebbe essere apprezzata.

    Ciao Guido,🙂
    Simone

  2. Trap
    4 febbraio 2009 alle 8:50

    Anche io ti ho messo per il motivo del primo commento!😀

    I tuoi post sono ALTAMENTE professionali!

  3. Alanparly
    4 febbraio 2009 alle 11:37

    Ottima, fantastica idea!
    Se dovessi regalare il tuo libro a un amico a cui ho appena installato Ubuntu vorrei che ci fosse:

    – Una guida-paragone sui programmi che si trovano sull’istallazione iniziale, con particolare attenzione a paragonare questi ai loro omologhi di windows o mac.

    – Una guida su come ottenere i codec e quant’altro possa non ostacolare l’utente fin da subito nell’utilizzo quotidiano (“volevo ascoltare un mp3 ma si sono aperte 10 finestre e ho lasciato perdere, è troppo difficile per me”).

    – Una guida frivola sulla personalizzazione di gnome e sulle opportunità che essa può offrire.

    – Una guida su come scaricare ed installare programmi sia da connessione internet che su un computer che non ha la possibilità di connettersi on line.

    – Sembra banale ma anche una guida su come connettersi, sia attraverso ethernet, che wireless, che con quelle maledette chiavi usb, finalmente configurabili facilmente su 8.10

    – Una cosa un po’ più avanazata, tipo un kit di comandi facili di “sopravvivenza” da utilizzare nell’amato/odiato terminale, magari utilizzabili anche da chi non vuole o non ha la capacità di impararsi il linguaggio linux.

    Per ora basta così, spero di esserti stato utile, questi sono i problemi che ho avuto io e che bene o male ho visto richiedermi tra quelli che ho “evangelizzato”.
    Se mi venisse in mente altro spero di non scocciarti con ulteriori post!

    Alan

  4. 4 febbraio 2009 alle 11:53

    Azz…mi hai anticipato…
    Anch’io volevo fare la stessa cosa!!!😀

  5. bruno
    4 febbraio 2009 alle 12:35

    complimenti innanzitutto
    Sono da dieci mesi passato a ubuntu 7.10 8.04 8.10
    per poter fare esperienza.
    Ho trovato in luglio il tuo blog e ti ho messo nel feed.
    vorrei che nel tuo libro ci fosse un accenno alla compilazione del kernel,come sapere se un programma e’ adatto a una determinata distribuzione,come inserire in grub (linux-image 2.6.27-11-generic)non avendolo fatto nell’aggiornamento,se posso trovare i driver per un film scanner CANON FS4000US e si come poterli installare.Non so se possono essere inseriti in una guida per principianti.Questi per esempio sono quelli a cui mi trovo davanti ultimanente per poter passare definitivamente a ubuntu senza dover usare windows.Di nuovo tanti complimenti
    Bruno

  6. 4 febbraio 2009 alle 13:30

    una guida alla compilazione del kernel in un libro per principianti… mah.

  7. 4 febbraio 2009 alle 13:33

    potrei suggerire una guida anche “a puntate” per l’uso del terminale per i principianti che parta veramente da 0 e non dia nulla per scontato, come partire dai comandi più semplici (spiegandone la logica in modo da permetterne una più facile memorizzazione)proponendo esempi pratici.

  8. Trap
    4 febbraio 2009 alle 13:54

    anche io sono perplesso sulla guida alla compilazione del kernel per i principianti. E’ meglio per loro lasciare perdere e dedicarsi ad altre attività linuxiane🙂

  9. 4 febbraio 2009 alle 16:59

    io su una guida per principianti metterei tutte quelle cose essenziali come:

    rendere ubuntu in italiano
    poter ascoltare i file mp3, wav ecc.
    insomma tutto quello che bisogna fare subito dopo l’installazione di ubuntu per poter avere un SO ok per l’utente medio di un pc

  10. 4 febbraio 2009 alle 18:09

    Scusate ma da certe risposte mi sembra che non leggiate il mio blog…

    Per fare certe cose ci sono le guide sul wiki, c’è “ubuntu facile”, “ubuntu al 120%”, ecc.

    Io voglio fare una cosa che spieghi “come” funziona GNU/Linux. Cioè quello che spiego nel blog….

  11. 4 febbraio 2009 alle 19:54

    Bè, diciamo che i post che hai scritto fin ora vanno più che bene!
    Magari sarebbe anche utile un capitolo dedicato più alla storia…quando nasce il kernel, chi sono Linus, Stallman e gentaglia varia…le varie distribuzioni…il caso Novell…;)
    Insomma, un po’ di “cultura generale”🙂

  12. 4 febbraio 2009 alle 21:53

    Guiodic, lo leggo il tuo blog solo che faccio confusione con i tuoi preziosi interventi nel forum e allora mi sono lasciato trasportare.

    Allora ti propongo di spiegare “come” funziona il discorso delle cartelle principali del sistema, si lo so hai già fatto, però io ho trovato, e a volte ho ancora, difficoltà a memorizzare i loro nomi e a cosa servono e siccome penso che i nomi non siano dati a caso… ecco spiegare questo.

    Invece di ricordarlo a memoria lo si potrebbe capire meglio.

    Se non fossi stato chiaro, ci ho messo un bel po’ di tempo a capire perchè sudo (anche d’inverno🙂 ma quando ho capito che significa super user do (fa) mi è stato subito chiaro.

    ciao

  13. kico
    4 febbraio 2009 alle 23:53

    una piccola parte di differenze più tecniche tra windows e linux.
    Mi spiego meglio, differenze e confronti tra il kernel, i 2 file system, la gestione degli utenti nei due so.

    Diciamo una parte “complementi” ai “fondamenti” già descritti nelle altre lezioni.

    Qualcosa sulle reti e i servizi di rete?

    Non è proprio da principianti, ma per chi ha bisogno di andare un pochino oltre, secondo me è il passo successivo.

  14. 5 febbraio 2009 alle 11:31

    una guida alla compilazione del kernel è troppo per i principianti, ma ottima per gli esperti

  15. gusions
    8 febbraio 2009 alle 10:57

    ottima idea ,dottor.iodice,sarò il primo a scaricarla😉

  16. hengerst
    8 febbraio 2009 alle 16:21

    Mi sembra un’ottima idea.
    Io ho raccolto da un pezzo i tuoi articoli, quelli di Aldo Latino, quelli di Antonio Doldo e le guide di Antonio Cantaro del ‘Majorana’ di Gela in altrettante directory, e ci vado a ‘tanusare’ spesso.
    Se i tuoi li metterai assieme e gli darai un po’ più di sistematicità il risultato non può non essere interessante.
    E poi, la butto lì, se arrivaste a scrivere qualcosa a più mani ci sarebbe di sicuro da leccarsi i baffi …

    Dato che hai chiesto suggerimenti, mi permetto di dartene uno.
    Secondo me una delle cose essenziali per capire bene come funziona GNU/Linux è studiare i file di configurazione. Dove sono, come si chiamano, cosa fanno di preciso, cosa succede se inserisci o cambi questo o quel parametro.
    D’accordo che parliamo di ‘principianti’, ma chi passa a GNU/Linux proveniendo da altri ambienti principiante, sempre secondo me, molto spesso lo è solo fino ad un certo punto.

    In ogni caso buon lavoro, aspetto con fiducia😉

  17. 12 febbraio 2009 alle 14:17

    Sei un grande, veramente!!
    Scrivi post interessantissimi!!

    Ti ho subito aggiunto nei feed!!🙂

  18. kico
    16 febbraio 2009 alle 23:31

    si potrebbe aggiungere qualche informazione su valide gui amministrative presenti nei repo, ma non installate di default.

    Nella categoria “ubuntu senza terminale”

  19. 4 marzo 2009 alle 15:40

    Se ti dovesse servire una mano con l’impaginazione o l’editing chiedi pure che sono un esperto!😀

    Max

  20. chourmo
    9 marzo 2009 alle 12:39

    iniziativa lodevole… sarebbe un lavoro fantastico per chi come me è davvero alla preistoria……

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: