Home > GNU/Linux, Guide pratiche GNU/Linux, Programmi > OpenOffice 3.1 su Ubuntu Jaunty in italiano (versione go-oo)

OpenOffice 3.1 su Ubuntu Jaunty in italiano (versione go-oo)

screenshot4

AGGIORNAMENTO: Attenzione, questa guida è obsoleta.

Potete installare OpenOffice.org versione go-oo aggiungendo il repository PPA di OpenOffice.

………………………

Al contrario di quanto di crede, la maggioranza delle distribuzioni GNU/Linux non hanno installato di default OpenOffice.org, ma una sua versione derivata: Go-oo.

Molti i miglioramenti rispetta alla versione “originale”:

  1. Filtro per immagini SVG
  2. Transizioni 3D
  3. Miglioramenti nella gestione dei campi
  4. Startup più veloce
  5. Icona di quickstart
  6. Solver per Calc
  7. Migliore importazione da Excel
  8. Supporto (parziale) per macro VBA Microsoft
  9. Integrazione con Mono
  10. Integrazione con gstreamer (video nelle presentazioni, ecc)
  11. Importazione da MS Works
  12. Importazione file EMF+ (estensione di Windows Metafile, formato vettoriale Microsoft)
  13. Importazione oggetti grafici Wordprefect
  14. Importazione da Lotus Word Pro.

Qui maggiori informazioni: http://go-oo.org/discover/

Ubuntu Jaunty ha preinstallato OpenOffice.org (anzi, Go-oo) versione 3.0.1 ma recentemente è uscita la nuova versione 3.1 con vari miglioramenti. Il più evidente di tutti è l’antialiasing dei grafici e degli oggetti vettoriali in genere che dà davvero un’aria più professionale alla suite.

Installare OO.o dal sito di OpenOffice non è però una buona idea, perché perderemmo le funzionalità aggiuntive di Go-oo.
Esiste un repository con la versione 3.1 ma purtroppo sembra che i pacchetti della lingua non vogliano saperne di compilarsi come si deve.
Ma nei repository di Ubuntu 9.10 (attualmente in alpha) i pacchetti ci sono già. E così ho pensato di fare l’azzardo… ed è andata.

Vediamo come fare. Prima di tutto aggiungiamo i repository:

sudo gedit /etc/apt/sources.list

in fondo copiamo e incolliamo questo:

# ------------ KARMIC -------------------
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ karmic main universe restricted multiverse #karmic
# deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ karmic main universe restricted multiverse #karmic src

deb http://security.ubuntu.com/ubuntu karmic-security main universe restricted multiverse # karmic security
# deb-src http://security.ubuntu.com/ubuntu karmic-security main universe restricted multiverse # karmic security src

deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ karmic-updates main universe restricted multiverse # karmic update
# deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ karmic-updates main universe restricted multiverse # karmic update src

deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu karmic-backports main restricted universe multiverse # karmic backports
# deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu karmic-backports main restricted universe multiverse # karmic backports src

deb http://archive.canonical.com/ubuntu karmic partner # karmic partners
# deb-src http://archive.canonical.com/ubuntu karmic partner # karmic partners src

salviamo.

Diamo un bel:

sudo apt-get update

Ora il sistema chiederà di aggiornarsi. Ovviamente non lo accontentiamo!

Andiamo su Synaptic.

Clicchiamo su “cerca” (lasciate perdere la funzione ricerca rapida) e cerchiamo “openoffice”.

Ci compariranno i vari pacchetti. Marchiamo per l’aggiornamento il pacchetto Openoffice.org, che si porterà dietro altri pacchetti. Ma non basta, dobbiamo aggiornare anche altri. Quelli che vanno aggiornati o installati sono (con alcune aggiunte mie…):

libbase-java-openoffice.org
libflute-java-openoffice.org
libfonts-java-openoffice.org
libformula-java-openoffice.org
liblayout-java-openoffice.org
libpentaho-reporting-flow-engine-java-openoffice.org
librepository-java-openoffice.org
libserializer-java-openoffice.org
libxml-java-openoffice.org

I pacchetti finora elencati si installano come dipendenze se marcate per l’aggiornamento OpenOffice.org-java-common.

mozilla-openoffice.org (plugin per Firefox)
openclipart-openoffice.org (clipart)
openoffice.org
openoffice.org-base
openoffice.org-base-core
openoffice.org-calc
openoffice.org-common
openoffice.org-core
openoffice.org-dmaths (editor di formule, se vi interessa, migliore di quello interno)
openoffice.org-draw
openoffice.org-dtd-officedocument1.0 (importazione vecchio formato 1.0)
openoffice.org-emailmerge
openoffice.org-evolution
openoffice.org-filter-binfilter (filtro staroffice)
openoffice.org-filter-mobiledev (filtro poket word, poket excel, ecc. utile se avete un palmare o smartphone con Windows Mobile)
openoffice.org-gnome (se usate GNOME)
openoffice.org-gtk
openoffice.org-help-en-gb
openoffice.org-help-en-us
openoffice.org-help-it
openoffice.org-hyphenation (rimane nella versione per Jaunty)
openoffice.org-hyphenation-en-us (rimane nella versione per Jaunty)
openoffice.org-hyphenation-it (rimane nella versione per Jaunty)
openoffice.org-impress
openoffice.org-java-common
openoffice.org-kab (solo se usate kde)
openoffice.org-kde (solo se usate kde)
openoffice.org-l10n-common
openoffice.org-l10n-en-gb
openoffice.org-l10n-en-za
openoffice.org-l10n-it
openoffice.org-math
openoffice.org-officebean
openoffice.org-ogltrans (transizioni 3D)
openoffice.org-pdfimport (importazione pdf)
openoffice.org-presentation-minimizer (minimizzatore file Impress)
openoffice.org-presenter-console (tool per le presentazioni)
openoffice.org-report-builder (report per Database)
openoffice.org-report-builder-bin
openoffice.org-style-human
openoffice.org-thesaurus-en-au (rimane nella versione per Jaunty)
openoffice.org-thesaurus-en-us (rimane nella versione per Jaunty)
openoffice.org-thesaurus-it (rimane nella versione per Jaunty)
openoffice.org-wiki-publisher (estensione per pubblicare su piattaforme Wikimedia)
openoffice.org-writer
python-uno
libicu40
uno-libs3
ure

Non spaventatevi di questo lunghissimo elenco, in realtà il 90% dei pacchetti si segna per l’aggiornamento semplicemente aggiornando OpenOffice.org e OpenOffice.org-java-common

Clickiamo su “Applica”.

Infine torniamo sul sources.list, cancelliamo i repository appena aggiunti, a diamo di nuovo sudo apt-get update.

Ultima operazione: andiamo nella nostra home ed eliminiamo la cartella .openoffice.org (che è una cartella nascosta, quindi dobbiamo premere ctrl+h per vederla).

Ora possiamo avviare OpenOffice. Lo splash indica ancora versione 3.0, ma in realtà avremo la 3.1 (basta guardare nelle informazioni del programma se non ci credete…).

Guardate come sono più carini i grafici adesso:

screenshot3

L’elenco completo dei cambiamenti dalla versione OOo 3.0.1 alla 3.1 (che ovviamente non è solo l’antialiasing!)) lo trovate qui: http://www.plio.it/ooo310

  1. shiver77
    19 maggio 2009 alle 11:47

    ma quando avremo la versione 3.1 completa e stabile direttamente nei repository ufficiali di jaunty? perché queste procedure complicate?

    • 19 maggio 2009 alle 11:56

      Non l’avrai mai. Ubuntu non aggiorna le versioni, applica solo correzioni di bug e patch di sicurezza.
      Gli aggiornamenti si fanno da versione a versione, non all’interno della stessa.

  2. shiver77
    19 maggio 2009 alle 11:48

    non complicate nel senso di infattibili…ma certamente non user friendly..

  3. fede
    19 maggio 2009 alle 13:18

    “Gli aggiornamenti si fanno da versione a versione, non all’interno della stessa”

    per alcuni programmi invece il passaggio di versione è possibile, a patto di attivare i repository backports…certo, per openoffice non credo che succederà.

  4. fede
    19 maggio 2009 alle 13:35

    deb http://ppa.launchpad.net/openoffice-pkgs/ubuntu jaunty main
    deb http://ppa.launchpad.net/openoffice-pkgs/ubuntu intrepid main
    deb http://ppa.launchpad.net/openoffice-pkgs/ubuntu hardy main
    questi gli indirizzi dei ppa per OpenOffice 3.1

    • 20 maggio 2009 alle 16:03

      sì ma con questi perdi il supporto per la lingua.

  5. 20 maggio 2009 alle 12:27

    guiodic, però anche marcando solo openoffice e openoffice-java-common si vanno a rimuovere i pacchetti del supporto lingue.

    io non me la sono sentita di procedere, cosa viene fuori?

    • 20 maggio 2009 alle 16:02

      Sei sicuro? hai aggiunto i repository di Karmic, non è che hai aggiunto quelli PPA?

      • 21 maggio 2009 alle 2:34

        chiedo scusa, hai ragione. È che ho fatto tutti e due i tentativi e c’era sempre qualcosa che non mi andava: seguendo questa guida si vanno a rimuovere

        openoffice.org-writer2latex e

        openoffice.org-kde

        Io uso GNOME ma tengo anche KDE4.

  6. 21 maggio 2009 alle 4:18

    Sì, writer2latex e openoffice-kde non sono ancora stati caricati.

  7. nico
    24 maggio 2009 alle 11:36

    sarebbe interessante far leggere questo post a chi dice che installare sw su linux è più facile che su windows. Senza polemica, sia chiaro, ma se un nuovo utente x avere l ultima versione di un programma importante come open office (ma potrebbe essere anche gimp o firefox o altri) deve fare tutto sto casino….

    • 25 maggio 2009 alle 3:32

      be’ in realtà è più semplice di come l’ho fatta io, basta scaricarlo dal sito ufficiale.

      Questa è l’installazione di una particolare versione che si trova solo nei repository di Ubuntu (e di altre distribuzioni) non la trovi come pacchetto “sfuso”.

  8. fede
    28 maggio 2009 alle 23:30

    i ppa ora sono stati “italianizzati”

  9. ggiacomoo
    29 maggio 2009 alle 20:29

    ho installato la versione ppa x 64bit, e pdf import… a voi riesce ad importare i pdf?? sul vecchio pc non lo stesso pdf, la 3.1 32bit standard con la stessa estensione, andava benissimo ora mi importa una schifezza…

  10. blacktux90
    2 luglio 2009 alle 14:58

    ciao, scusa l’ignoranza, cosa cambia se installo la versione 3.1 scaricandola dal sito ufficiale? in fondo mi dice che è un pacchetto deb? E questa procedura è consigliata anche dall’istituto majorana… grazie

  11. Salvatore75
    28 agosto 2009 alle 5:11

    @blacktux90: il livello di conoscenza, di Ubuntu e di qualsivoglia distribuzione, di chi ha creato e mantiene il sito dell’istituto Majorana, è molto basilare.
    Per openoffice come per moltissime altre cose.
    Per chi si avvicina a questo mondo per la prima volta, quel sito è molto importante, fa un ottimo lavoro e di questo bisogna prenderne atto.
    Bisogna comunque e sempre saper valutare le proprie fonti.
    Il signor Guido è più preparato rispetto al signore del sito Majorana, che fa quello che può, nei limiti delle proprie possibilità.
    Anche il signor Guido mi sta lasciando perplesso con questa guida.
    Attivando dei repository, aggiornando i pacchetti, disattivandoli, mi piacerebbe sapere chi tapperà eventuali falle.
    Ho letto alcuni suoi articoli sulla sicurezza che cozzano con questo articolo, assodato che questo metodo di aggiornamento impedisce che bug e falle siano tappate prontamente.

    • 28 agosto 2009 alle 5:33

      tutti quei passaggi non sono più necessari, da mesi.
      C’è scritto in alto…

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: