Home > Beagle, GNU/Linux > Ricerca avanzata con Beagle

Ricerca avanzata con Beagle

Eccoci arrivati alla seconda parte della guida all’uso di Beagle.

Una delle funzioni più interessanti di questo programma è il suo linguaggio di interrogazione, molto simile a quello di Google. Oddio “linguaggio” è un termine esagerato, diciamo semplicemente opzioni di ricerca.

Apriamo lo strumento di ricerca di Beagle (cliccando sull’icona nell’area di notifica o premendo F12) e si presenterà questa schermata:

Ricerca Beagle

Le opzioni nel menù a tendina sono autoesplicative, per cui non le spiego.

Vediamo invece come effettuare ricerche avanzate.

Di default, immettendo una serie di parole nel campo di ricerca, Beagle restituisce i file che contengono tutte le parole inserite (quindi è implicito l’operatore AND, come su Google).

Se però vogliamo cercare tutti i file che contengono la parola “casa” oppure “abitazione” scriveremo casa OR abitazione.

Se vogliamo cercare una frase esatta, la racchiuderemo tra virgolette. Ad esempio “la mia casa è grande”

Per cercare tutte le parole che iniziano con una certa sequenza di lettere useremo l’asterisco. Ad esempio castell* troverà: castello, castellano, castellana, castellinaria, castellino, ecc.

Mettendo un segno meno (-) davanti a una parola la escluderemo dalla ricerca. Esempio: casa -affitto troverà tutti i documenti che contengono la parola ‘casa’ ma non quella ‘affitto’.

Se vogliamo restringere la ricerca solo a determinati tipi di file in base all’estensione finale del loro nome, scriveremo qualcosa del tipo:  casa ext:odt. In questo caso Beagle restituità tutti i file che contengono la parola ‘casa’ e hanno come estensione ‘odt’ (cioè i documenti di testo OpenOffice.org)

Per restringere la ricerca ad una sola directory, basterà aggiungere inuri:percorso. Il percorso può anche essere parziale. Ad esempio: linux inuri:Documenti cercherà la parola “linux” in tutte le cartelle indicizzate che hanno nel loro nome la parola “documenti”.

Per cercare i file in base alla data useremo il parametro date, ricordando che il formato della data è sempre AAAAMMGG. Esempi:

  • gnu date:2008 – cerca i file che contengono la parola “gnu” con data risalente al 2008
  • gnu date:20080101 – cerca solo i file con data 1° gennaio 2008
  • gnu date:2007-2008 – cerca i file con data compresa tra il 2008 e il 2009 (anche qui si può specificare mese e giorno chiaramente.
  • gnu date:2007-   – cerca i file modificati dopo il 2007 (compreso)
  • gnu date-2007   – cerca i file modificati prima del 2007 compreso

Beagle indicizza anche i metadati, ad esempio di canzoni o immagini. Ad esempio è possibile chiedere a Beagle di cercare tutte le canzoni di un determinato artista, o tutti i documenti di un certo autore, o addirittura le foto scattate da una certa fotocamera, ecc.

Questo sarà l’argomento della prossima puntata.

Categorie:Beagle, GNU/Linux Tag:, , ,
  1. Trap
    25 giugno 2009 alle 8:33

    Interessante!

    Comunque ho provato sia Beagle che Tracker. Li ho disinstallati entrambi. Perché? mlocate mi basta e avanza🙂

  2. Roger
    25 giugno 2009 alle 8:35

    Ciao Guido; molto interessante questo post. Utilizzo molto spesso la ricerca avanzata e volevo chiederti se con i motori di ricerca valgono tutte queste regole (alcune già le conoscevo). Mi interessano soprattutto i parametri di ricerca per date. Penso che sarebbe utilissimo a molti (porta pazienza se questa mia richiesta è un pochettino OT).

    • 25 giugno 2009 alle 12:36

      su google clicca su ricerca avanzata e vedrai.
      Se usi google.com invece di google.it le opzioni sono molte di più (data compresa)

  3. ArTaX
    25 giugno 2009 alle 19:19

    Sono sempre stato interessato a programmi come Tracker o Beagle. Una domanda: queste opzioni avanzate, possono essere introdotte anche da interfaccia grafica? Per la riuscita del programma lo ritengo essenziale…

  4. scimmia
    16 luglio 2009 alle 10:46

    ma tutti quelli che dicono (m)locate si rendono conto che parlano di due cose diverse?
    mlocate cerca *solo* nei nomi dei file.
    quindi se il tuo documento sull’affitto della casa delle vacanze lo chiami lettera.odt non lo troverai mai cercando (m)locate affitto.
    beagle/tracker/fratelli invece si!

  5. 14 gennaio 2013 alle 4:46

    The safest temperature for just about any electronic device
    is a lot less than 75 degrees, consequently itrrrs likely relatively good if you are uncomfortable,
    your machine can be as well. s clever too, as it not only attaches to the i – Pad 2 using magnets,
    but uses one to activate and deactivate the screen when the
    cover is opened or closed too. Would you agree.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: