Home > GNU/Linux, Libero vs Proprietario, Riflessioni > L’open è meglio del proprietario

L’open è meglio del proprietario

Ieri ho preso a lavorare in un nuovo ufficio.

Hanno portato una stampante multifunzione di rete, una Epson AL-CX21NF. Ho aperto la gestione stampanti e me l’ha vista subito come stampante di rete. Il driver è perfetto, supporta tutte le funzioni che mi servono compreso il colore, la stampa economica, ecc.

Poi passo allo scanner. Sapevo che gli scanner Epson hanno un loro programmino proprietario che si chiama iscan. Lo scarico ma leggo che non supporta la scansione in rete. Ma vaffa…

Vabè lo installo lo stesso, sai mai.

Niente, non lo vede.

La guida suggerisce di dare scanimage -L per vedere se lo scanner è visto. Mi aspettavo di non ottenere nulla e invece…

device `epson2:10.0.0.10' is a Epson AL-CX21 flatbed scanner

Minchia lo vede! Allora apri Xsane che… lo vede!

Solo che non parte la scansione. Breve ricerca, trovo il bug (di Karmic) allora scarico il vecchio libsane da Jaunty, lo installo e … perfetto, funziona.

Insomma con il software libero ho potuto ottenere una funzione che con quello proprietario non avrei potuto avere.

  1. Trap
    26 novembre 2009 alle 15:53

    emblematico

  2. 26 novembre 2009 alle 15:56

    Segnala il bug però. Almeno si spera lo risolvano.

    • 26 novembre 2009 alle 17:45

      già fatto, è proprio su launchpad che ho trovato la soluzione

  3. Ema90
    26 novembre 2009 alle 16:49

    Beato te !!
    Io per stampare con la mia epson avvio una macchina virtuale con windows.
    Da suicidio😦

  4. Alessandro
    26 novembre 2009 alle 16:56

    Beh tra l’ altro con un software closed come microsoft anche capendo e trovando la soluzione al problema non avresti potuto modificarlo per licenza. Non fu proprio per questo che un tale (Stallman se non ricordo male, ma potrei dire un eresia) inventò Gnu??

    La filosofia del software libero mi piace. Mi piace comprare qualcosa che diventi mia invece che usare la licenza di uso di un prodotto non mi appartiene.
    Trovo sia normale che una volta comprato qualcosa essa mi appertanga quindi posso smontarla, modificarla o regalarla.

    Essendo uno sfaticato probabilmente non mi convincerà mai ad installare una qualsiasi distro Linux anche perchè anche se lo facessi penso me le torrei con le impostazioni di default e quindi non darei valore aggiunto alla community però mi piace sostenere il software libero e l’ open source.

  5. R3DKn16h7
    26 novembre 2009 alle 17:46

    Stessa esperienza per quanto riguarda vpnc per usare le VPN di cisco. Al posto di dover installare un caccoso programma mi basta installare un pacchetto da mezzo kilobyte perfettamente integrato col network manager.

  6. superlex
    26 novembre 2009 alle 22:24

    Su un sistema propietario avrebbe semplicemente funzionato subito, senza bisogno di cercare qua e là. Non mi verrai a dire che le case produttrici non danno insieme alla periferica i driver per i sistemi windows e mac, è di GNU/Linux che se ne fregano!

    • 27 novembre 2009 alle 4:08

      “funzionato subito”? cioè secondo tre installare ben 3 cd e riavviare più volte è “subito”?

      E poi ripeto è solo un bug specifico di Karmic, avessi usato jaunty non si sarebbe presentato e tutto sarebbe andato out-of-the-box. Soprattutto senza installare tonnellate di software inutile che si mette in autoavvio e ti rallenta il computer.

      • superlex
        27 novembre 2009 alle 8:47

        Perché avevi una epson, e quel modello di epson, ne avessi avuto un’altra (una lexmark per esempio, o una canon/epson/etc.. il cui modello non è supportato da dai driver open) avresti impiegato molto più tempo che non quello per inserire un cd (1 al massimo, non 2 o 3).
        Ma ripeto, la colpa non è del sistema operativo né tanto meno degli sviluppatori, è delle case produttrici, che dovrebbero dare in dotazione oltre ai driver per windows e mac anche quelli per GNU/Linux, cosa che quasi mai fanno.

        • 27 novembre 2009 alle 10:28

          Be’ però considera che è un modello a caso, mica è stato scelto. Le stampanti da ufficio sono quasi tutte supportate perché è comune attaccarle a un print server su cui gira GNU/Linux. Poi certo se prendi una lexmark sfigata…

  7. 27 novembre 2009 alle 13:42

    Meglio ancora se fosse stata una HP: installi HPLIP, attacchi la stampante e e il gioco è fatto.

  8. 27 novembre 2009 alle 16:25

    Solo una cosa, il programma di scanner si chiama epson scan😀

  9. 28 novembre 2009 alle 4:32

    Mi sto chiedendo perchè sto discutendo di un argomento informatico con guiodic, tanto la spunta di sicuro lui.
    Comunque, http://upload.centerzone.it/images/vl0ot5qhjud6lwz3e0ba.png
    E sono sicuro che quando scannerizzo un immagine con xp il nome del programma sia epson scan.

    • 28 novembre 2009 alle 19:28

      sì ma che c’entra? io sto parlando del programma *per GNU/Linux*

  10. 29 novembre 2009 alle 6:53

    Hai ragione, chiedo umilmente perdono😀 non avevo capito ti riferissi al programma per GNU/linux

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: