Home > GNU/Linux > La magia delle GTK+ 3

La magia delle GTK+ 3

Non vi dico nulla, ma guardate bene questo video:

Qualcuno ha detto cloud computing?

 

EDIT.

Dai commenti mi sembra che molti non abbiano colto il potenziale di questa nuova tecnologia. La prova è stata effettuata sullo stesso computer ma la possibile applicazione è semplice da immaginare: mentre l’applicazione gira su un server, la sua interfaccia viene visualizzata nel browser dell’utente.

Una seconda possibilità è anche quella che l’applicazione venga in effetti scaricata in modo trasparente dal browser ed eseguita in locale, però tramite interfaccia web, cosa che comunque dà molte nuove potenzialità alle web application.

In entrambi i casi questo significa che qualsiasi applicazione GTK può diventare una applicazione web senza praticamente alcuno sforzo.

Categorie:GNU/Linux Tag:, , , , ,
  1. 17 marzo 2011 alle 15:48

    Uhm, sicuramente sono io a non riuscire a cogliere i benifici di una cosa del genere, ma a cosa servirebbe avere le applicazioni aperte in firefox? Io lo trovo piuttosto scomodo…
    e poi non riesco a capire cosa faccia alla fine del video…

    • 17 marzo 2011 alle 17:41

      Domx, la prova è fatta sullo stesso computer, ma tu devi immaginare che firefox gira sul un computer dall’altra parte del mondo.
      In questo modo puoi usare nel browser i programmi su un altro computer.

      • 17 marzo 2011 alle 19:41

        ah, ho capito. Sotto questo aspetto la cosa si fa interessante e sembra utile…

  2. 17 marzo 2011 alle 16:10

    Secondo me alla fine del video non fa niente!😛 Comunque usare programmi gtk su un browser come fa quello nel video per un utente normale di sicuro non serve a niente ma credo che potrebbero esserci degli utilizzi più interessanti in futuro!🙂

  3. Luigi
    17 marzo 2011 alle 16:24

    scusa Guiodic ma questo è possibile solo con le GTK+ 3?

  4. Sonichead
    17 marzo 2011 alle 16:35

    Credo che non sia solo appannaggio delle gtk+ 3..
    Non ci vedo nulla di ‘magico’.. è la stessa cosa che fa google con chrome OS

  5. abba
    17 marzo 2011 alle 17:03

    Un’ipotesi ce l’ho, spero di non dire boiate🙂
    Le GTK+ 3 se non erro hanno un backend per HTML5: presumo che guiodic volesse farci vedere come le apps gtk 3 si possano lanciare come web apps. Viceversa non dovrebbe essere troppo difficile creare web apps (HTML5, CSS3, Javascript…) che funzionino come normali app di GNOME.

    Riguardo Firefox: ma possibile che tutti vi siate fermati a guardare il browser?!?!? Mi sembrava evidente che veniva usato solo come mezzo per visualizzare il funzionamento del backend, serviva la tecnologia sotto il cofano del browser (magari usanod webkit è la stessa cosa), non la navigazione web in sè.
    Un browser engine può servire per fare tante cose: in Natty ad esempio c’è Yelp (che sostituisce l’app “aiuto” da gnome 3) che ora usa webkit (prima era gecko), ma non naviga su Internet😀

  6. 17 marzo 2011 alle 17:05

    Le possibiltà sono molteplici, se vado ad esempi forse è più chiaro:
    -Eseguire in remoto(su una macchina più potente) applicazioni pesanti, video editing, 3d modelling, etc.
    -Uso della banda limitato rispetto alle connessioni vnc, rdp o nx, in quanto il controllo è solo(o si può restringere) a livello di applicazione, meglio anche dell’avvio delle applicazioni remote con ssh , perchè i dati dell’app non devono essere scaricati in locale.

    @Sonichead
    E’ completamente diverso, le applicazioni di chrome OS sono web app, sviluppate in html5(anche se funzionano in locale). Qua si parla di applicazioni, sviluppate nel tuo linguaggio preferito, che risiedono sul pc.

    La cosa se vogliamo “innovativa”, è che il supporto per il controllo remoto è incluso nelle GTK, non serve nessun tool esterno.

    Maledetta ubuntu e le sue gtk 2.3x.x

    • abba
      17 marzo 2011 alle 17:11

      Ma l’ultima release delle gtk+ è la 2.22, su cui si basa gnome 2.32, mentre in Natty hanno messo l’ultima versione del vecchio branch rilasciata dal team gnome, cioè le gtk+ 2.24.3, con gnome 2.32.1
      Se non erro le gtk+ 2.3x non esistono proprio, al massimo le 2.9x come future 3.x stabili

      • 17 marzo 2011 alle 17:14

        pardon, intendevo quello, cioè il fatto che natty non utilizzerà le gtk 3.x

        • abba
          17 marzo 2011 alle 17:29

          Anche a me dispiace, ma se Gnome 3.0 esce stabile il 6 aprile e il freeze di ubu è una settimana dopo, c’è davvero troppo poco tempo per curare tutte le novità. Se non altro la distro sarà molto stabile fin dall’inizio: il plugin Unity è l’unico componente “fresco” del desktop, sotto c’è la più recente e stabile release di gnome attualmente disponibile🙂

    • Sonichead
      17 marzo 2011 alle 17:12

      io mi riferivo al lettore pdf di chromeOS che è integrato al browser e non credo sia in html5..

  7. -luk-
    17 marzo 2011 alle 18:55

    Quanto ci guadagnerà google?

  8. telperion
    17 marzo 2011 alle 20:01

    Mah, utilità dubbia.
    Un applicativo pesante, con dati grossi da trattare che risiedono sul client, via rete resta e resterà “inchiodato” dalla cattiva qualità della rete.
    In rete locale puoi usare tranquillamente xorg o vnc o simili.
    Ergo a che pro?
    Webapp?
    No grazie, escluse cavolatine varie, io non voglio i miei documenti in rete, dove possono essere catalogati da varie company per usi che neanche posso immaginarmi.
    E non venitemi a rassicurare con nessun argomento, perchè babbo natale non esiste.

    • 17 marzo 2011 alle 21:00

      sei diventato davvero conservatore🙂

      • Mai Tai
        16 aprile 2011 alle 17:30

        e no, non è “conservatore”, ha fatto una giusta osservazione invece.
        leggevo con molto interesse le tue rubriche sulla sicurezza (belle!) e poi ho guardato questo video: di potenzialità ve ne potrebbero essere a iosa, ma sia in positivo che in negativo…
        nemmeno io vorrei che i miei documenti venissero schedati dalle varie Company e chissà per quali loschi motivi.
        se ci pensi bene, le webapp esistono già da qualche annetto ormai: facebook non usa infatti quelle? e il valore di facebook in che consiste esattamente (tradotto in soldoni)? tutti credono che risieda nella pubblicità, che invece non c’è (dove la vedranno, boh…), in realtà gusti, tendenze, stili di vita sono sotto gli occhi vigili e attenti di chi si occupa, ad esempio, di marketing.
        tutti ormai condividono tutto, stiamo offrendo noi stessi, su un piatto d’argento ma gratis, informazioni che dovrebbero pur guadagnarsi ‘ste “company”, invece, come dice Eduardo Saverin nel film “The Social Network” <>…
        facebook negli ultimi tempi sta investendo molto sulle applicazioni. il sito in sè è già cosa pronta da un bel pezzo!
        ps: non mi sono mai iscritto a nessun social network. come Telperion, anch’io (che non sono propriamente un conservatore, anzi) nutro una discreta diffidenza verso ciò che oggi viene ritenuta “innovazione” (a vantaggio di chi?), e soprattutto non credo a babbo natale.

        • Mai Tai
          16 aprile 2011 alle 17:34

          cavolo, non si vede la frase che cita Saverin, la riporto qui (tra doppi apici):
          “non c’è hackeraggio, la gente inserisce di sua spontanea volontà i propri dati”

    • Alex.diste
      18 marzo 2011 alle 18:53

      magari funziona come X quindi la grafica è creata nel pc client tramite Gtk3 presenti la e tramite protocollo di rete manda solo il contenuto (volendo in xml o simili). Se non sbaglio con alcuni client ssh per windows ti mettono una grafica fittizia loro anche se il server non ha alcun De installato, potrebbero usare lo stesso modo, no? Se non passi immagini via http ma solo testo o file xml riduci di molto il peso

  9. printfede
    18 marzo 2011 alle 18:28

    ma vorrei capire.. sono normalissimi file html? L’estensione che si vede scritta nel video direbbe questo..

    • 18 marzo 2011 alle 19:09

      sì, il browser lo vede come una pagina html (html5 ovviamente).

  10. Alex.diste
  11. -luk-
    26 marzo 2011 alle 11:18
    • 26 marzo 2011 alle 12:16

      vabe è tutta un’altra cosa.

      • -luk-
        26 marzo 2011 alle 15:38

        Si ma l’idea è quella! Forse quelle delle gtk3 è anche più “pulita” rispetto a questa. Alla fine queste tecnologie possono avvantaggiare in modi diversi l’utente e questo è uno dei tanti modi.

  12. Matteo
    8 giugno 2011 alle 20:44

    Ma è una caratteristica nativa delle gtk3? cioè, ogni applicazione gtk3 può essere trasferita nel browser?

  13. 19 giugno 2013 alle 21:42

    This program is intended to recover lost passwords for RAR/WinRAR archives
    of versions 2.xx and 3.xx. http://www.passwordtowinrar.
    tk The free professional solution for recovering lost passwords to RAR and WinRAR
    archives.

    Why users still make use of to read news papers
    when in this technological world the whole thing is accessible on net?

  14. 27 giugno 2013 alle 20:23

    I blog quite often and I seriously appreciate
    your information. Your article has truly peaked my interest.
    I’m going to book mark your site and keep checking for new details about once a week. I subscribed to your Feed as well.

  15. 12 luglio 2013 alle 13:31

    Woah! I’m really digging the template/theme of this website. It’s simple, yet
    effective. A lot of times it’s very hard to get that “perfect balance” between usability and appearance. I must say you have done a fantastic job with this. Additionally, the blog loads extremely quick for me on Firefox. Outstanding Blog!

  16. 5 marzo 2014 alle 16:18

    This article will help the internet viewers for setting up new blog
    or even a blog from start to end.

  17. 24 aprile 2014 alle 10:55

    Right here is the right webpage for anybody who would like to
    find out about this topic. You know a whole lot its almost tough to argue with you (not
    that I really would want to…HaHa). You certainly put a fresh spin on
    a subject that’s been written about for decades. Excellent stuff, just
    wonderful!

  18. 20 settembre 2014 alle 19:11

    It’s appropriate time to make a few plans for the long run and it is time to be
    happy. I have read this put up and if I may I want to counsel
    you some attention-grabbing things or tips. Maybe you could write subsequent articles referring to this article.

    I want to learn even more things approximately it!

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: