Archivio

Archive for the ‘GNU/Linux’ Category

Quantal quasi rolling

10 febbraio 2013 38 commenti

Torno a scrivere su questo blog dopo molto tempo per comunicare che (già da diverso tempo) è attivo il mio repository “Quantal quasi rolling” per Ubuntu Quantal (12.10).

Centinaia gli aggiornamenti, potete guardare la lista qui: https://launchpad.net/~guido-iodice/+archive/quantal-quasi-rolling/+packages

Per aggiungere il repository:

sudo add-apt-repository ppa:guido-iodice/quantal-quasi-rolling
sudo apt-get update
sudo apt-get dist-upgrade

p.s. ovviamente come tutti gli aggiornamenti, è sempre a vostro rischio e pericolo 🙂

Categorie:GNU/Linux Tag:

11 maggio 2012 8 commenti

Vent’anni fa partiva il processo che ha portato all’Euro. E 20 anni fa molti sostennero che non poteva funzionare. Tra questi W.Godley che lo scrisse in questo articolo che sembra scritto ieri.

Keynes blog

L’articolo che pubblichiamo di seguito ha venti anni.  L’autore, Wynne Godley, noto economista britannico Post Keynesiano e collaboratore del Tesoro del Regno Unito, individua i problemi nella costruzione dell’Unione Monetaria a partire dal Trattato di Maastricht. In particolare sottolinea come il Trattato sottintendesse un’impostazione ideologica per la quale gli Stati non devono occuparsi di politica economica e tutto ciò che è richiesto per far funzionare il sistema è una banca centrale, indipendente dalla politica, che si occupi di controllare l’inflazione. L’assenza di un Tesoro federale con un debito pubblico monetizzabile, di un fisco e di un welfare federali, di “stabilizzatori automatici” e trasferimenti tra regioni, porterà inevitabilmente alla rottura dell’Unione monetaria, appena uno dei suoi membri si trovasse in forti difficoltà per qualsiasi motivo. Insomma, quella che segue è la cronaca di un fallimento annunciato.

View original post 1.667 altre parole

Categorie:GNU/Linux

23 aprile 2012 2 commenti

Keynes blog

“L’austerità è di destra e sta distruggendo l’Europa” (Il Saggiatore, 152 pagine, 13 euro) di Emiliano Brancaccio e Marco Passarella è un libro che ha diversi pregi, il primo dei quali è forse la chiarezza con cui vengono spiegati i fenomeni che hanno portato alla crisi e smontate le tesi liberiste correnti, delineando al tempo stesso una via alternativa, basata da un lato su meccanismi di riequilibrio automatici e dall’altra sul ritorno dello Stato al ruolo di indirizzo dell’economia, attraverso la pianificazione (si parla segnatamente delle proposte del Premio Nobel Leontief).

Il secondo pregio che abbiamo riscontrato nel libro consiste nel fatto che gli autori – senza cadere mai nella polemica “spicciola” e fine a se stessa – non lasciano spazio alla nebulosità e al non-detto, che spesso contraddistinguono il dibattito pubblico su temi economici e, soprattutto, politici. Una critica precisa e puntuale all’austerità (socialmente di destra) non esime e…

View original post 1.944 altre parole

Categorie:GNU/Linux

Forse ho scelto Gnome Shell

9 aprile 2012 71 commenti

 

Il PIL è un indicatore del benessere? No, ma quasi

28 marzo 2012 1 commento
Categorie:GNU/Linux

Sondaggio: che ambiente desktop dovrei installare?

23 marzo 2012 58 commenti
Categorie:GNU/Linux

16 febbraio 2012 18 commenti

Forse qualcuno si sarà accorto che da un po’ non curo molto questo blog. Il motivo è che mi sono gettato in una nuova avventura, un blog sulla crisi e l’economia. Guardatelo, c’è molto da capire.

Keynes blog

 

Senzanome

Una conversazione radiofonica tra Keynes e Sir Josiah Stamp sulla stupidità dei governi nazionali nell’imporre sacrifici. Il dialogo fu trasmesso dalla BBC il 4 gennaio 1933. Sebbene siano passati 80 anni da allora, questa intervista risulta di straordinaria attualità e dimostra come le idee sbagliate siano così dure a morire. 

Keynes, adottando l’approccio macroeconomico, smonta una per una le tesi del partito dell’austerità, in particolare quella per cui lo Stato deve risparmiare (come farebbe una famiglia) per ripagare i propri debiti, ma anche l’idea tipicamente neoclassica che dalla crisi si possa uscire grazie all’azione individuale nel libero mercato. Se qualcuno se lo chiedesse, nell’anno in cui Keynes rilasciava questa intervista il debito pubblico britannico sfiorava il 180% sul Pil. Il testo è stato pubblicato da Manifestolibri (1996). 

View original post 1.504 altre parole

Categorie:GNU/Linux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: