Home > GNU/Linux, Riflessioni > Google Chrome OS: per favore, non chiamatelo Linux (almeno per adesso)

Google Chrome OS: per favore, non chiamatelo Linux (almeno per adesso)

Google ha annunciato la nascita di Chrome OS, un sistema operativo che, secondo l’anticipazione, verrà preinstallato dal prossimo anno su alcuni netbook. Sarà open source e userà un kernel Linux.

Ma, così come Android, non sarà Linux, nel senso che (probabilmente) non sarà GNU/Linux.

Il post sul blog di Google è abbastanza chiaro: si parla di un nuovo sistema a finestre (non X Windows) dentro cui gira il browser Chrome:

The software architecture is simple — Google Chrome running within a new windowing system on top of a Linux kernel.

Niente X? Quindi niente QT, niente GTK+, niente di tutto quello che si trova su una normale distribuzione.

Il che vuol dire che non ci si potrà far girare le applicazioni per GNU/Linux (a meno che non rendano questo sistema grafico compatibile con Xorg, non usino una libreria C compatibile con glibc e, secondariamente, non lo dotino di un set di utility e di una shell compatibili, tutte cose che non sembrano nelle intenzioni, dato il precedente di Android).

Quindi per favore, almeno fin quando Google non dirà qualcosa di preciso a proposito della compatibilità con GNU/Linux, quando parlate con qualcuno di questo sistema, come anche di Android, non nominate affatto Linux, altrimenti si creerà la solita confusione.

Chrome OS (molto probabilmente) e Android (sicuramente) usano solo il kernel Linux, ma sono sistemi totalmente diversi da Ubuntu, Fedora, Suse, Mandriva, Slackware e qualsiasi altra distro GNU/Linux vi venga in mente.

Sarebbe come dire che due automobili sono uguali solo perché montano lo stesso motore o lo stesso treno di gomme.

Il sistema che usate sul vostro computer si chiama GNU, non Linux. Linux è solo uno dei kernel su cui può essere compilato GNU. E sul kernel Linux possono girare sistemi che nulla hanno a che vedere con GNU.

(in questo post ho detto la stessa cosa 10 volte, ma dicevano i latini repetita iuvant).

  1. Funz
    9 luglio 2009 alle 8:48

    Dovremo dire GNU/GoogleOS e GNU/Android, così S.Tallman è contento😉

  2. 9 luglio 2009 alle 9:01

    Ciao e complimenti per il post. Interessante informazione.

    A riguardo, però, vorrei aggiungere la mia opinione:
    econdo me non è sbagliato dire che questo sistema operativo è Linux, se mai è sbagliato dire che Ubuntu, Fedora, Mandriva ecc.. sono (soltanto) Linux!
    Mi spiego meglio: se vogliamo essere pignoli le distribuzioni che hai citato dovrebbero essere chiamata GNU/Linux, il che per definizione le rende diverse da Chrome OS (che non monta GNU).
    Se invece ci limitiamo a dire “basato su linux” non possiamo non accorpare questo sistema operativo alle sopracitate distribuzioni, come anche a svariati modelli di router o dispositivi embedded o anche i vari motorola ming & co.
    Se invece parliamo di sistemi come FreeBSD, certamente non possiamo fare rientrare nella categoria Debian, Fedora ecc… in quanto montano kernel diverso, e visto che il kernel è la parte più importante del sistema operativo, cambiando quello cambia tutto no?

    Per sintetizzare è questione di punti di vista: in questo caso, probabilmente, avremmo dovuto dire che Chrome non è GNU, non credi?

    nota per ridere: non è che chrome è più unix di gnu? visto che “GNU is Not Unix”…🙂

    • 9 luglio 2009 alle 9:18

      in quanto montano kernel diverso, e visto che il kernel è la parte più importante del sistema operativo, cambiando quello cambia tutto no?

      No. Il kernel non è la parte più importante di un sistema operativo, o almeno non lo è da ogni punto di vista, come ho spiegato nei post che sono linkati.

      Se invece parliamo di sistemi come FreeBSD, certamente non possiamo fare rientrare nella categoria Debian, Fedora ecc… in quanto montano kernel diverso

      Debian monta anche il kernel di Freebsd, nonché quello di Netbsd e anche Hurd.

      In tutti i casi però Debian GNU/qualcosa è sempre un sistema GNU, non un sistema Bsd.

      Per sintetizzare è questione di punti di vista: in questo caso, probabilmente, avremmo dovuto dire che Chrome non è GNU, non credi?

      Sì, questo è esatto.
      Però se tu dici che è un sistema basato su Linux crei una ambiguità perché la maggior parte della gente dice Linux ma intende GNU/Linux.
      Siccome Android e (molto probabilmente) Chrome OS non saranno compatibili con le normali distribuzioni GNU/Linux, è meglio evitare del tutto di nominare Linux.

      Chrome OS e Android sono sistemi a parte, che solo incidentalmente usano lo stesso kernel delle normali distribuzioni GNU/Linux, ma non hanno nulla a che fare con esse.

      Del resto è possibile eseguire GNU persino sopra Windows e in quel caso sì che è compatibile con le normali applicazioni (non del tutto ma quasi).

  3. Trap
    9 luglio 2009 alle 9:12

    Secondo me è un riadattamento di Android.

  4. 9 luglio 2009 alle 10:15

    Oltre ad essere d’accordo con te, continuo a nutrire il forte sospetto che solo i moduli “necessariamente open-source” saranno tali nel futuro OS di Google. Secondo me se davvero volevano sottolineare la loro “affiliazione” al clan Linux lo avrebbero dovuto fare ispirandosi a qualche distribuzione storica, come Debian, ereditandone pacchettizzazione e quant’altro. Ma ovviamente in questo modo avrebbero anche ereditato tutte le “scomode” GPL.

  5. Sergej
    9 luglio 2009 alle 12:16

    Sinceramente, non sono d’accordo.
    Linux, come ben sappiamo, è il kernel. Non le distribuzioni. Se poi in genere diciamo “linux” per indicare l’os, beh, è un’imprecisione. Aiuta a semplificare, ma definire “linux” un sistema operativo il cui kernel è linux, beh, non è errato.
    Le distribuzioni sono GNU/Linux, che è un’altra questione..
    Poi d’accordo sulla questione dell’incompatibilità, dei problemi xorg, gtk qt o chi per loro..
    Ma, ripeto: niente di errato nel dire che si tratta di linux.
    Forse è sbagliato che lo chiamiamo (in genere, non dico qui) solo “linux” e non GNU/Linux, come dovrebbe essere..

    No?

    Sergej

    • 9 luglio 2009 alle 22:35

      Sì, non sarà errato come dici tu, ma confonde.
      Tu parlando di Mac Os X dici “è una versione di FreeBSD”?
      No, anche se il kernel è molto simile e anche le utility di sistema sono le stesse.
      Perché non lo dici?
      Perché Mac OS X ha le sue particolarità che lo rendono del tutto differente dagli altri sistemi BSD, ivi compreso FreeBSD.
      Non è che Final Cut gira su FreeBSD, no?

      E qui vale lo stesso. Tecnicamente Android e Chrome usano un kernel Linux. Ma non sono compatibili con le normali distribuzioni GNU/Linux, quindi, per evitare fraintendimenti, meglio proprio non nominarlo Linux, altrimenti la gente crede che sono la stessa cosa.

      Già ho letto articolo “Chrome OS: l’occasione di LinuX”. Ma l’occoasione de che?

      • Alessandro
        21 luglio 2009 alle 14:21

        MacOS è basato su FreeBSD, e viene anche riaffermato sul sito di FreeBSD. Chrome OS è semplicemente un’altra distribuzione Linux non compatibile con le utility GNU, inutile girare attorno alle cose come stanno. Ed in effetti potrebbe essere una occasione per il kernel di affermarsi maggiornmente nel mercato dei desktop.
        E’ inutile dire che crea confusione, le distro non sono solamente GNU/Linux, ma per “distro” linux si intende tutto quello che gira attorno al kernel. Io posso anche scrivere una distro open source compilando utility che non sono minimamente GNU. Sarà una ALE/Linux, ma sempre di distro Linux si tratta.

        • 21 luglio 2009 alle 15:25

          Quando uno dice “distribuzione Linux” secondo te al 99,9% cosa vuole dire? uCLinux o GNU/Linux?
          Ovviamente il secondo, no?

  6. 9 luglio 2009 alle 13:14

    FORSE c’e un po di “confusione” nella testa dei lettori.
    G Chrome OS É a tutti gli effetti un sistema linux. Il kernel é la parte piú imporartante del sistema operativo: una fiat panda é sempre una fiat panda anche se gli mettete su alettoni e… boh.. che altro si puó modificare di un’auto?😛

    GNU invece é un progetto avviato da Richard Stallman che raccoglie programmatori per scrivere codice sotto copyleft: emacs, gcc, ls cat, grep, less etc etc…

    in una normale distribuzione linux troviamo kerel linux con sopra tutti i tool di gnu, il server xorg….

    bsd invece é un’altro kernel, ma normalmente anche lui monta il pacchetto GNU.

    chrome probabilmente sostituirá gnu, si parlerá quindi di un sistema chrome/linux al posto di GNU/linux… quindi é sbagliatissimo oltre che parecchio scorretto dire che non si tratta di linux.

    comunque preferirei usare un classico sistema operativo gnu/linux. non capisco perché dovrei usare un sistema mutilato (android sotto molti aspetti é mutilato) quando posso usare un sistema linux. Questo chrome permetterá solamente di navigare su web e interfacciarsi con le solite apps (mi domando come farei ad editare un documento sul treno senza internet xD)

    nah.. molto meglio gnu/linux… le applicazioni sono installate sulla mia macchina e posso accederci dove voglio, come voglio e in qualsiasi situazione… il cloud computing mi interessa fino ad un certo punto(va bene se mi spediscono un documento via mail e devo dagli una sbirciata.. allora é ok google docs)

    ragazzi.. non fatevi imbambolare da google.. il suo posto é dove é nato… internet… per cellulari e computer una bella debian o archlinux é il top😉

    • 9 luglio 2009 alle 22:35

      G Chrome OS É a tutti gli effetti un sistema linux. Il kernel é la parte piú imporartante del sistema operativo: una fiat panda é sempre una fiat panda anche se gli mettete su alettoni e… boh.. che altro si puó modificare di un’auto?

      Mi sa che non hai capito.

  7. dario
    9 luglio 2009 alle 13:45

    io sn d’accordo con te, cmq credo che Chrome OS sarà una cagata alla fine.

  8. Hyu
    9 luglio 2009 alle 14:10

    Credo che dopotutto parlare di linux non sia tecnicamente sbagliato. Ma sicuramente lo è “semanticamente”, oramai la parola “linux” è diventato un abbreviazione di “gnu/linux”, quando si dice “Linux” si pensa subito ad una distro classica che si poggia su X, un gestore di pacchetti, il sistema gnu.

    Questo riporta all’antica diatriba “si dice Linux o GNU/Linux”? Beh, adesso possiamo affermare che di dice GNU/Linux. Anzi, io sono del parere che vada usato il nome della distro specialmente per usi commerciali. Ad esempio usare la parola “Linux” per definire sistemi come xandros porta solo confusione e danno di immagine per le altre distro.

    @Dario
    Concordo con te. Ma sono convinto che raggiungera l’1% del mercato in 1/10 del tempo che ci ha impiegato linux. La gente compra marchi, non sistemi operativi.

    • 10 luglio 2009 alle 12:49

      Che GNU/Linux abbia solo l’1% è qualcosa che non credo molto. Secondo me stiamo ben più su, intorno al 3%.
      Detto ciò, continuo a pensare che un OS così concepito rischia di essere un flop. Va bene Android per uno smartphone, ma su un netbook la gente purtroppo pretende di farci girare qualsiasi cosa, compresi videogame e se non li fermi autocad.

  9. 9 luglio 2009 alle 14:57

    Mi sembra che siamo un po’ tutti d’accordo sul fatto che il nome corretto sia GNU/Linux e che se tutti sbagliano chiamandolo Linux non vuol dire che tutti abbiamo ragione…

    Debian monta anche il kernel di Freebsd, nonché quello di Netbsd e anche Hurd

    E lì che non siamo d’accordo: non è debian che monta bsd o linux, ma Debian E’ MONTATO SU Linux, bsd ecc…
    Una distro alla fine non è altro che una collezione di programmi alla quale serve una piattaforma che la faccia funzionare. Ed è li che entra in gioco il kernel.
    A proposito definizione presa da wikipedia: “In informatica, il kernel (pronuncia IPA: [ˈkəːnəl]) costituisce il nucleo di un sistema operativo.”

    Preciso che non ho voluto rispondere per creare polemica ma perchè secondo me era necessario ribadire alcuni concetti.
    Poi parlarne con gente competente come guiodic è sicuramente un piacere!

    • 9 luglio 2009 alle 22:39

      E lì che non siamo d’accordo: non è debian che monta bsd o linux, ma Debian E’ MONTATO SU Linux, bsd ecc…

      Sì, è più corretto dire così.

      A proposito definizione presa da wikipedia: “In informatica, il kernel (pronuncia IPA: [ˈkəːnəl]) costituisce il nucleo di un sistema operativo.”

      Be’ non ci vuol molto: kernel in inglese vuol dire nucleo.
      Sai da cosa deriva questa definizione? dal fatto che negli anni 60 e 70 si usava rappresentare i sistemi con cerchi concentrici. Quindi quello più interno era chiamato nucleo.
      Oggi non si usa più questo schema, che è poco pratico. Si usa invece rappresentare i sistemi operativi come delle pile (stack). Quindi invece di kernel si potrebbe parlare di “bottom”, ovvero “fondo” o anche “culo”😉

  10. 9 luglio 2009 alle 19:37

    Ehm… non sarà GNU\Linux ma non vedo perchè non sia Linux: il kernel dicono che è quello.

    • 9 luglio 2009 alle 22:40

      Ma hai letto quel che ho scritto?

  11. 9 luglio 2009 alle 23:50

    Ciao Complimenti per il post.

  12. 9 luglio 2009 alle 23:50

    Scusami guiodic, mi sa che ho acceso un piccolo flame con sto discorso del kernel😛

    Riguardo il kernel siamo d’accordissimo su cosa vuol dire (e cosa voleva dire in passato) ma io sono sempre dell’idea di chiamare le cose con il loro nome di battesimo. Un sistema linux è sempre linux come MacOSX, per me, è un BSD.
    Non ci trovo niente di così strano o criptico nei confronti dell’utente medio.
    Anzi approfitto per dare un messaggio all’utente medio Macintoshiano: “Caro utente medio Macintoshiano.🙂 So che hai comprato il tuo ultimo portatile a 2500 euro PERCHE’ C’ERA LO SCONTO. :-S E so che per te adesso il mac è il mac e come lui non c’è nessuno. Design e qualità di costruzione di alto livello, niente da eccepire. Ma ricorda: quando ti vanterai con gli amici del fatto che non vedi più virus da mesi, che il tuo sistema è stabile, che non hai bisogno di installare un driver, ecco in verità ti dico che c’è UNIX motivo per tutto ciò! Non dimenticarlo mai ;-P”
    post scriptum: “Utente della mela, il tuo leopardo sotto sotto è un diavoletto! ;-P”
    , ,
    /( )`
    \ \___ / |
    /- _ `-/ ‘
    (/\/ \ \ /\
    / / | ` \
    O O ) / |
    `-^–‘`< '
    (_.) _ ) /
    `.___/` /
    `—–' /
    <—-. __ / __ \
    <—-|====O)))==) \) /====
    <—-' `–' `.__,' \
    | |
    \ / /\
    ______( (_ / \______/
    ,' ,—–' |
    `–{__________)

    • 10 luglio 2009 alle 15:36

      Un sistema linux è sempre linux come MacOSX, per me, è un BSD.

      Completamente errato.

      • 10 luglio 2009 alle 15:58

        Completamente errato.

        “Mac OS X è stato creato combinando Darwin, un ambiente open source derivato da Unix (basato sul sistema operativo FreeBSD) e kernel XNU, un kernel basato sul microkernel Mach”

        • 10 luglio 2009 alle 16:02

          Sì va bene hai ragione tu. Mi scrivi ste cose pensi che non le sappia.
          Su.
          Quando vuoi una lezione di sistemi operativi chiama.

          • 10 luglio 2009 alle 16:16

            Lo so che lo sai, era così per dire. Non è necessario che ti alteri…
            La lezione di sistemi operativi la accetto volentieri, ci mancherebbe. Sarei uno stupido a pensare di non potere imparare dagli altri…

          • Alessandro
            21 luglio 2009 alle 14:27

            Non è che uno deve andare a Sistemi Operativi per conoscere la storia dei SO. Gli ingegneri elettronici di una volta quasi non lo facevano neanche. Magari dovresti però essere più cordiale.

    • 10 luglio 2009 alle 16:37

      Io cerco di spiegare in modo chiaro le cose, le ripeto più volte e poi mi sento rispondere come se non avessi detto nulla.
      La cosa è un po’ fastidiosa, penso che lo capisci senza che lo dica.

    • Alessandro
      21 luglio 2009 alle 14:26

      si non installa i drivers perchè ha una consolle camuffata, sennò prendi un portatile a caso e vedi FreeBSD 7.2 come ti fa sudare🙂

  13. 10 luglio 2009 alle 12:44

    ha ragione Hyu.
    Tecnicamente non è sbagliato chiamarlo Linux.
    Ma il problema che evidenzia Guiodic è giusto perché dal punto di vista semantico la parola Linux ci rimanda nella mente a una distro GNU/Linux, è brutto dirlo ma anche se Stallman ha ragione ci vorrà un po’ di tempo per eliminare il legame semantico Linux=GNU/Linux.
    Forse questa volta se capita ciò che predice Guiodic (io spero di no però) la gente inizierà a chiamare le cose per il suo nome e quel legame si indebolirà.

    Fatto sta che non avevo letto molto e anch’io ho pensato che fosse una distro compatibile con le altre. Quindi grazie Giodic per chiarire questo fattore importante.

    PS: per lo meno hanno detto chiaramente che sarà opensource.

  14. mika29
    10 luglio 2009 alle 22:54

    Hai ragione….la gente non capisce la differenza tra GNU/Linux e Linux. La fortuna di Google è di avere potere. Mi spiego meglio: Google annuncia il suo Chrome OS (che per me è un pò una cavolata perchè non puoi usare il pc senza internet) e subito i produttori hardware si mettono a produrre netbook con G OS. Per una distro GNU/Linux invece non c’è nessuno che vende computer dedicati…E’ un assurdità…

  15. 10 luglio 2009 alle 23:22

    Io preferisco non usare questi SO creati per scopi commerciali. Meglio Ubuntu, Debian o qualcosa di simile😉

  16. 12 luglio 2009 alle 22:12

    Non so voi ma personalmente sono molto preoccupato per quest’uscita di Google, ovviamente è lecito usare il kernel linux per le proprie esigenze, il problema è che tutto il resto viene mandato alle ortiche. Vedremo come si evolve la situazione.

    Per non parlare delle implicazioni dell’avere i propri dati su server perdendone così il controllo, e che fare se non si ha connessione?

  17. 21 luglio 2009 alle 21:14

    La storia insegna…Apple ha preso il kernel BSD è l’ha USATO, è sotto gli occhi di tutti i benefici che BSD ne ha tratto, infatti oggi FreeBSD è un sistema operativo usato e conosciuto dal 15% degli utenti di computer…(lo zero virgo 15 forse…).

    SVEGLIA: Google usa linux perchè è già un kernel pronto per il desktop dal punto di vista del supporto hardware (se ci sono dei problemini sono dovuti alla scarsa penetrazione e al fatto che i driver spesso non sono rilasciati dai vendor), dove lo trovava un altro kernel così maturo bello e pronto da impacchettare e spacciare per suo alla massa?

    Quest’operazione magari porterà qualche driver in più ma per al sistema operativo GNU/Linux non serve sopratutto quello, serve meno frammentazione, servono più software specifici, servono più produttori di computer che lo offrano come scelta.

    Cerchiamo di imparare dalla storia, da Apple che usa il kernel BSD. Non mi sembra che Apple rilasci iTunes o Safari o iMovie o iProgrammaAppleQualunque per {Free,Open,Net}BSD!

    PS: Mi scuso con gli utenti BSD per il mio sarcasmo, so benissimo che anche noi siamo messi malissimo a livello di market share, era per chiarire il concetto.

  18. 26 aprile 2013 alle 7:59

    Howdy! I simply would like to give a huge thumbs up
    for the good data you will have right here on this post.
    I will likely be coming back to your blog for extra soon.

  19. 9 marzo 2014 alle 5:40

    It’s genuinely very complicated in this full of activity life
    to listen news on TV, thus I simply use internet for that
    purpose, and take the latest information.

  1. 11 luglio 2009 alle 10:04
  2. 20 novembre 2009 alle 18:29

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: