Sondaggio: che ambiente desktop dovrei installare?

23 marzo 2012 58 commenti
Categorie:GNU/Linux

E alla fine, ebbe di nuovo ragione Einstein

22 febbraio 2012 8 commenti

I neutrini non sono più veloci della luce. Le misure rilevate nel settembre scorso  sarebbero dovute ad un’anomalia nel funzionamento degli apparati utilizzati per misurare la velocità dei neutrini….

A scoprire l’anomalia negli strumenti di misura è stato lo stesso gruppo di ricercatori del Cern e dell’Infn, guidato dall’italiano Antonio Ereditato, che cinque mesi fa aveva fatto il primo annuncio sulla velocità dei neutrini.

http://www.repubblica.it/scienze/2012/02/22/news/neutrini_pi_veloci_della_luce_c_era_anomalia_in_strumenti-30349960/

Da notare l’onestà e la correttezza di questi scienziati. Sì, possiamo avere fiducia della scienza.

Categorie:Riflessioni, scienza Tag:

16 febbraio 2012 18 commenti

Forse qualcuno si sarà accorto che da un po’ non curo molto questo blog. Il motivo è che mi sono gettato in una nuova avventura, un blog sulla crisi e l’economia. Guardatelo, c’è molto da capire.

Keynes blog

 

Senzanome

Una conversazione radiofonica tra Keynes e Sir Josiah Stamp sulla stupidità dei governi nazionali nell’imporre sacrifici. Il dialogo fu trasmesso dalla BBC il 4 gennaio 1933. Sebbene siano passati 80 anni da allora, questa intervista risulta di straordinaria attualità e dimostra come le idee sbagliate siano così dure a morire. 

Keynes, adottando l’approccio macroeconomico, smonta una per una le tesi del partito dell’austerità, in particolare quella per cui lo Stato deve risparmiare (come farebbe una famiglia) per ripagare i propri debiti, ma anche l’idea tipicamente neoclassica che dalla crisi si possa uscire grazie all’azione individuale nel libero mercato. Se qualcuno se lo chiedesse, nell’anno in cui Keynes rilasciava questa intervista il debito pubblico britannico sfiorava il 180% sul Pil. Il testo è stato pubblicato da Manifestolibri (1996). 

View original post 1.504 altre parole

Categorie:GNU/Linux

Nuove scrollbar di Ubuntu, da Precise a Natty

7 dicembre 2011 35 commenti

In Ubuntu 11.10 e la prossima 12.04 le overlay scrollbar (le barre di scorrimento a scomparsa) sono notevolmente migliorate. Ad esempio usano un movimento fluido di scorrimento e compaiono e scompaiono con maggiore affidabilità. Una delle ultime modifiche in Ubuntu 12.04 (la versione di sviluppo che uscirà ad aprile prossimo) è il fatto che la scrollbar appare non solo quando ci si posiziona sulla barra ma in qualsiasi punto del bordo della finestra.

Nel mio repo natty quasi rolling sto quindi importando con regolarità queste nuove scrollbar. Per installarle, se avete già il mio repo, basta un aggiornamento. Se le avevate disinstallate allora installate il pacchetto overlay-scrollbar e riavviate la sessione.

Possibili problemi: vlc e poche altre applicazioni QT paiono dare problemi (crashano o fanno crashare compiz). In tal caso basta evitare il caricamento delle scrollbar modificando il lanciatore. Aprite gedit con i provilegi di root (alt+f2 > gksu gedit), andate in /usr/share/applications, individuate il lanciatore dell’applicazione (nel nostro caso vlc.desktop), apritelo e alla riga Exec modificate da:

Exec= vlc %U

in

Exec=env LIBOVERLAY_SCROLLBAR=0 vlc %U
Categorie:GNU/Linux Tag:, ,

Sicurezza e GNU/Linux (11): l’hardening, ovvero come a livello di sistema si prevengono le vulnerabilità – 1

6 dicembre 2011 4 commenti

Riprendo il discorso Sicurezza e GNU/Linux con un post riassuntivo sulle misure che permettono di prevenire le vulnerabilità dei programmi. Per capire di che parliamo, prima è necessario rileggere i primi post di questa categoria: 1 e 2 .

Riassumendo: un programma vulnerabile è un software che, a causa di un mancato controllo sui dati in ingresso, permette ad un malintenzionato di confezionare un insieme di dati (ad esempio in un file oppure in un pacchetto spedito via rete) che inducono il programma a comportamenti non previsti. Leggi tutto…

Sincronizzare le note con gnote

5 dicembre 2011 16 commenti

Gnote è un programma per prendere note sviluppato per il desktop GNOME. E’ a tutti gli effetti un clone di Tomboy (il programma installato di default su Ubuntu). A differenza di Tomboy però è scritto in C++ invece che in C# su Mono, con il risultato che è più leggero. Cercavo un programma per tenere le note e mi sono infatti accorto che Tomboy soffre di gravi bug riguardo la gestione della memoria.

Una delle poche funzioni di Tomboy non ancora implementate in Gnote è la sincronizzazione delle note su diversi computer. Una funzione per me indispensabile. Tuttavia con Ubuntu One è davvero un attimo rimediare. Leggi tutto…

Il desktop ideale (almeno per me)

15 novembre 2011 58 commenti

Tema: Equinox Evolution, con icone Faenza (Dark). In azione: dockbarx (la barra in basso con il selettore finestre) e le applet windows-title e windows-button per portare il titolo della finestra massimizzata nel pannello. Tra gli indicatori segnalo in particolare ubuntuone-indicator. Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: